Categoria: Articoli

— Collezione degli articoli inseriti dal sottoscritto.

Arrivederci! (o no?)

Con questo breve post, annuncio che…questo blog si auto distruggerà fra 3-2-1!

BOOM!

Scherzi a parte: è tempo di perseguire nuove strade, nuovi obiettivi e, di conseguenza, nuove strategie. Pertanto Dittilografando, nella sua forma e vesti attuali, va in pensione e probabilmente non tornerà più…ma non sarà l’ultima volta che il sottoscritto vi annoierà con i suoi pareri e le sue opinioni: anzi, è solo l’inizio di una serie di cose belle. O almeno, lo spero…di certo, questo terreno verrà riqualificato. (shhh, zitto!)

Chiudo pertanto con un un enorme grazie a tutti, per il tempo dedicato alle letture (magari poche, ma buone)…ad maiora! :)

Vostro caro Ditti

#doingthingsright vol. 2 – My weekend homework

#doingthingsright vol. 1 – Me and Tomas Muller

Naked

Questo è il mio primo ritratto pubbilco dopo un bel po’ di tempo e “silenzio”, causato da un episodio spiacevole contro la mia persona e la mia professionalità (sono un amatore, ma ciò non implica che non debba essere professionale). E questa fotografia rappresenta in pieno la mia attuale e presumo futura idea di ritratto. Nessuna preparazione, nessuna pretesa, un unico obiettivo: essere stimolato da chi ho davanti, scavarne l’anima e riportarla su un sensore per comunicarla al resto del mondo.

Non me ne può fregare di meno delle passerelle, degli abiti, delle pose, di quanto vi sentiate tre cazzi e mezzo o del numero di like che possa o possiate ricevere: questo sono io, questa è Alessandra…ci siam trovati lì durante la pausa di un lavoro, ci siam seduti, ci siam guardati, ho guardato la macchina fotografica ed è nata questa immagine. Fine.

Del resto, vi giuro, non me ne frega un cazzo. Di fotografi che vi mettano in posa e vi faccian sentire dive è pieno il mondo, a me interessa solo scoprire l’anima di chi ho davanti.

Naked

Come mi pare…

Chi vuole scrivere, impari prima a leggere.
Chi vuole suonare, prima deve imparare ad ascoltare.
Chi vuole ridere, impari prima a piangere.
Chi vuol capire, prima deve riuscire a domandare.
Chi vuole vincere, impari prima a perdere.
Chi vuol tenere, prima deve sapere cosa lasciare.
Chi vuole insistere, impari prima a cedere.
Chi vuole amare, prima deve imparare a rinunciare.