Dance Valley: considerazioni post-evento (AGG. 04/05/11)

Tramite Facebook:

AGGIORNAMENTO 04/05/11: Il messaggio è stato eliminato dal gruppo “Dance Valley” (link originale), e al sottoscritto sono stati tolti i permessi di scrittura. Essendo questa una forma di censura bella e buona, ripubblico il tutto sul mio profilo (integrando alcune lacune volontarie del precedente messaggio)…proprio perché trattasi di messaggio a scopo costruttivo e non distruttivo. Messaggio non compreso da qualche “testa” (calda?) dell’evento.

Stamp fresco fresco dal "gruppo aperto" Dance Valley

NOTA BENE: tutto ciò che scrivo di seguito rappresenta un’opinione personale, a scopo unicamente costruttivo e da usare come spunto di discussione. Si prega di evitare insulti o sbugiardamenti se non si è d’accordo, in quanto riporto esperienze assolutamente reali e personali…grazie! ;)

– – –

Dico la mia: per ME, l’evento è tutt’altro che riuscito. Colpa di nessuno in particolare, ma in parti uguali di maltempo, un pò di disorganizzazione (a tratti palese) e affluenza deludente. Parto in ordine: le premesse.

“15MILAMETRI…DI…..VILLAGGIO..+..2500METRI DI SPIAGGIA……TUTTO…IL…GIORNO………3..AREE…(disco-live-caraibiko)—40–DJ——3 SPECIAL GUEST(dj DINO ANGIOLETTI+dj MISS HELEN BROWN++++ROCCO BARBARO)+—-6—SCUOLE—LATINE———-ART TATOO—-AIR PLAIN SHOW—-CALCETTO—-GREEN VOLLEY——MURALES—-TORO MEKKANIKO—–WIND E KITE SURF—–BODY PAINTING—-BREAKING——FITNESS——-STAND EXPO—–TAPPETI-ELASTICI—–SKATER’S—–RADUNO-MOTO”

  • 15000m di villaggio: si, molto grande…ma almeno una sistemata all’area si poteva dare. Non pretendo il prato all’inglese, ma quantomeno di poter camminare senza dover stare attento a dove mettere i piedi;
  • 2500m di spiaggia: non mi pronuncio, non ci son passato proprio (causa tempo);
  • 3 aree (disco/live/caraibico): dell’area caraibica nemmeno l’ombra;
  • 40 DJ: non li ho contati, ma la musica ha risuonato fin dalla mattina quindi sicuramente ce ne son stati almeno la metà…nota positiva senza dubbio ;)
  • Special guests: stavo all’area Live, me li son persi (dò fiducia alle parole dello speaker dell’area live, “ci siam persi una bella figa”). Rocco Barbaro l’ho visto in giro, ma non ho retto fino allo spettacolo causa stanchezza (e non una grande ammirazione verso lo stesso…ma questi son gusti personali, ci mancherebbe);
  • 6 scuole latine: dove? Aree o scuole latine…nemmeno l’ombra;
  • Art Tatoo: non di mio interesse, non so nemmeno se c’era qualcosa in merito (forse negli stand?);
  • Air Plain show: forse si intendeva “airplane” :D comunque si, c’è stato (simpatico);
  • Calcetto / Green volley: se parliamo di quello spazietto gonfiabile… :) “aree” vere e proprie non ce ne stavano;
  • Murales: era quel container azzurro vicino l’ingresso?
  • Toro meccanico: dove? Al massimo qualche giostra, dal dubbio accostamento (far risuonare la musica a palla dal Takatà durante i vari soundcheck non è proprio un’idea geniale) rispetto alle zone.
  • Wind e Kite Surf: mi sembra ci sia stato, dando un’occhiata da lontano…sicuramente c’è chi potrà dirne di più;
  • Body painting / Breaking / Fitness: di tutto ciò, ho visto solo i tappeti per il running (non utilizzati);
  • Stand Expo: pochini, la maggior parte erano aree ristoro;
  • Tappeti elastici: zero, gli unici tappeti erano quelli corsa (inutilizzati);
  • Skaters (senza apostrofo) / Raduno moto: non ho visto nulla del genere…do stavano?

Aggiungo qualche considerazione personale:

  • (AGG. 04/05) Servizi igienici. Premettendo che per me i presenti erano ben lontani dai 1500 sbandierati dall’organizzazione…comunque, il numero “ufficiale” rende ancora più critica la situazione: com’è possibile che per BEN 1500 PERSONE siano stati adibiti solo DUE bagni, per giunta ben lontani dall’ingresso e di difficile visione per chi non è passato dall’area live?
  • Consumazione inclusa nel biglietto. Beh, credevo si trattasse di una consumazione a scelta (come in tutti gli eventi frequentati in 25 anni di vita)…mi sbagliavo. Alcuni stand si rifiutano di cambiare la drink card, adducendo motivazioni poco credibili sull’orario/cambi limitati…quando veniam serviti altrove, ci vien detto che la bevanda è “fissa” per tutti gli stand: una specie di aperitivo all’arancia annacquato nel rum, imbevibile e che dopo due sorsi ho buttato in un cestino (cercato dopo tanto girovagare). A saperlo prima, mi tenevo il bigliettino per ricordo…
  • I cestini, appunto. Costava molto mettere dei contenitori e spargerli un pò per tutta l’area, data la vastità della stessa, invece di girovagare in lungo in largo per trovarne uno (pur di non lasciare tutto sul prato, come invece fatto da molti incivili)?
  • Gestione dei gruppi live. Stendiamo un velo pietoso! Si parte tardi (probabilmente per maltempo, poca affluenza o mancanze dell’ultimo minuto sullo stage), poi finalmente si inizia ma con i tempi troppo lunghi…e per rimediare vien fatto un discutibile annuncio ai gruppi (AGG. 04/05: che, ricordo, han suonato GRATIS e senza alcun minimo rimborso spese…nemmeno una bottiglietta d’acquaper ridurre a TRE i pezzi suonati, annuncio criticato prima (giustamente) e ritirato poi. Predisporre il palco/la scaletta da prima, date le iniziali incertezze, ed evitare tutte queste seccature…no eh?
  • L’offerta libera. Delle gentili fanciulle mi han chiesto una donazione infima, anche di 50 centesimi, a supporto dell’organizzazione. Si può discutere o meno quanto volete in merito all’iniziativa, io l’offerta l’ho fatta con piacere…ma, davvero, avrei preferito non ricevere nulla piuttosto che un adesivo fresco fresco di stampa…inkjet :) (AGG. 04/05) In seguito, vengo informato che è stata un’iniziativa libera degli organizzatori cosentini, per rientrare con le spese dei pullman (messe di tasca propria)…lo stesso ragazzo segnala un’aggressione a causa di questa iniziativa.

A chi dice che era “bampato” di gente, rispondo tranquillamente dicendo che NON era bampato, tutt’altro…non so cos’hanno visto, probabilmente le consumazioni alcoliche hanno influenzato la quantità di gente vista :D le aree vuote erano parecchie, e a parte i mucchietti in zona ristoro/live/disco, tutto il resto era tristemente vuoto. Peccato, davvero, in quanto l’idea era ottima e a grandi linee pure impostata bene (la diversità di gente/eventi/aree in un unico grande spazio)! Poi, che IO mi sia divertito grazie alla mia comitiva è un discorso…ma ciò non implica la buona riuscita dell’evento, pensavo di arrivare in una piccola oasi di divertimento e ho trovato dei “mucchietti” sparuti a caso in un’area enorme, non molto diversi da una “festamaronna” primaverile.

Detto ciò, auguro all’organizzazione tutto il bene possibile…per capire dove si è stati sfortunati (sicuramente nel maltempo) e dove si è sbagliato, perché la gente non ha risposto (maltempo a parte, che sicuramente ha inciso…non ci si nasconda dietro la “regginità”, troppo facile) in modo tale che il Dance Valley abbia un seguito nel 2012. Eventi del genere fanno solo bene alla città…ma devono essere ben realizzati!

Grazie a chi ha avuto la “fantasia” di leggere fino in fondo…e in bocca al lupo per la prossima edizione (che spero caldamente ci sia). :)

Viva la democrazia… :)

Inserisca un commento